Io periodo di studio come questo non posso far altro che citare un esempio di costanza dal quale dovrei prendere esempio. Chiederò a mia mamma di prendere provvedimenti affinchè il mio desiderio di emulazione venga esaudito.
Il personaggio in questione è Alfieri, che nella sua ottica del "Volli, sempre volli, fortissimamente volli" scrive:

"Stavano i miei legami nascosti sotto il mantellone in cui mi avviluppava, ed avendo libere le mani per leggere, o scrivere, o picchiarmi la testa, chiunque veniva a vedermi non s’accorgeva punto ch’io fossi legato della persona alla seggiola"

In poche parole, per costringersi a studiare, all’età di 26 anni, il compianto si faceva legare alla sedia.
Io, tuttavia, penso che, anche legata troverei il modo di evitare di studiare le sudate carte.
Ma Alfieri non fantasticava, per Dio?
Legatemi i neuroni, non il corpo!

Annunci

Tag:,

About pattumieraemotiva

Si sta come d'estate sui cactus le spine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: