In questi giorni mi tormenta una domanda.
Le condizioni intorno a me l’hanno fatta sorgere, e le stesse condizioni mi hanno impedito di conoscere la verità riguardo l’argomento.
Ma devono essere spiegate le vicissitudini che hanno portato al sorgere della domanda:
Il mio ridente paesello, ed in paricolare il terreno intorno alla mia casa, si è trasformato in un cantiere.
Oltre alle fantastiche rotonde che hanno cominciato ad invadere come cavallette la provincia milanese, mi vedo testimone di ben altre imprese di costruzione. Dalla mia finestra posso vantarmi di vedere procedere lentamente ed inesorabilmentel’innalzamento di quattro palazzi, la costruzione di una strada, e la costruzione di una piscina. Altro che cementificazione delle coste!
In questo idillio di muratori sottopagati e inosservanza delle norme di sicurezza mi ritrovo spesso a compiere l’azione più amata dagli anziani della nostra penisola, ovvero ammirare meravigliata il procedere dei lavori con le mani dietro la schiena.
Mi sono sempre chiesta per quale motivo i nostri connazionali pensionati trovassero tanto affascinante tale attività. Ho trovato la risposta a questo dubbio esistenziale, perchè anche io ora posso vantarmi di far parte di questa ristretta cerchia di eletti.
I nostri anziani osservano meravigliati tutto ciò perchè si pongono una domanda, una sola domanda, un’unica sciocca domanda: "come diavolo vengono montate le gru?"
Io ho atteso con ansia la costruzione della gru che troneggia davanti alla mia finestra, volevo che mi fosse finalmente svelato l’arcano per poi diffondere la rivelazione al pianeta.
Il fato mi è stato avverso.
Sono uscita una mattina per recarmi nella cattedrale del sapere, per accorgermi, una volta rientrata nella mia umile dimora, che l’aggeggio infernale era stato montato in mia assenza.
Resami conto dell’indicibile ho assunto quest’espressione:

Ho imprecato, mi sono disperata, ho aperto la finestra mostrando al mondo il mio immenso dolore. A nulla è valso tutto ciò.
Non dormo più la notte.
Non mangio più.
Non copulo più.
Mi sono ridotta alla larva umana di me stessa. Neanche la Tatangelo riesce a sollevarmi dalla disperazione.
Quindi chiedo aiuto a voi.
Come diavolo si monta una gru?

Annunci

Tag:

About pattumieraemotiva

Si sta come d'estate sui cactus le spine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: