Appurato che la voglia di studiare ha raggiunto i minimi storici mi chiedo perchè appena lo spirito di sacrificio cominci a fare il suo infame dovere, debba essere interrotta dall’uomo di casa. Interrotta come sempre per due maledette pile ricaricabili. Pile che vengono periodicamente cercate. Ed ogni volta parole su parole perchè non si trovano. Urla, disperazione, delirio e tempesta per due pile ricaricabili.  Ovviamente la ricerca delle suddette avviene nel seguente modo:
Irruzione nella mia tana.
Perquisizione dei miei cassetti.
Parole gettate al vento.
Urla.
Miei sbadigli.
Urla.
Pile che non si trovano.
Urla.
Mia assuefazione al tutto.
Impossibilità di ribattere.
Porta che sbatte.

Assisto a questa scena ad intervalli regolari nel tempo da circa un anno. Sempre per le solite due pile ricaricabili.
Invece di ricercare le pile perdute propongo la ricerca, molto più indispensabile, dei neuroni perduti.
Perchè Leopardi aveva torto. Dopo la tempesta non arriva la quiete. Rimane desolazione e amarezza.

Annunci

Tag:,

About pattumieraemotiva

Si sta come d'estate sui cactus le spine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: