A volte ho la netta sensazione di passare l’esistenza ad arrancare. O che si ripetano determinati schemi, all’infinito.
Ogni qual volta la mia vita si arricchisce di situazioni e persone che mi fanno sentire bene, che mi creano delle bellissime sensazioni nelle viscere, che mi portano a sorridere, perdo qualcos’altro di altrettanto bello. E per motivi a me oscuri.
Gli esami di coscienza proseguono ininterrottamente, a vuoto. E non trovo, nel mio comportarmi, nulla che possa considerarsi sbagliato. O forse non trovo nulla di sbagliato semplicemente perchè a compiere l’analisi sono io. Forse la cosa osservata e l’osservatore non dovrebbero risiedere nella stessa persona, forse avrei bisogno di una voce fuori dal coro, che conosca l’antefatto così come oggettivamente si presenta,  e che mi indichi il peccato e il peccatore. Se di peccato e peccatore si può parlare.

Annunci

About pattumieraemotiva

Si sta come d'estate sui cactus le spine

One response to “”

  1. dereye says :

    daltronde Chi è che sa di che siamo capaci tutti.. *

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: