BOMBA. AD OROLOGERIA.

Solitamente  i mal di stomaco lancinanti sono la mia valvola di sfogo preferita. Mi duole l’apparato digerente e manifesto il mio disappunto nei confronti di ciò che mi circonda.
Ma se contemporaneamente alla saturazione di bocconi amari sopraggiunge un superalcolico di troppo, ci si addentra nel fenomeno comunemente chiamato ‘sbronza triste’.
Nel mio particolare caso la sbronza triste si manifesta in un superlavoro neuronale: mi arrivano troppi impulsi nervosi negativi tutti assieme, mi si riempie la mente di pensieri nefasti fino a quel momento sopiti, e  tutte le lacrime che per lungo tempo sono rimaste rattrappite in qualche anfratto della mia scatola cranica si sciolgono.
Un’alluvione di liquido organico salato. La fortuna dei produttori di fazzoletti di carta usa e getta.
Non c’è un singolo fattore scatenante. E’ come se si scontrassero tra loro, nello stesso luogo, e alla stessa ora, diversi temporali. Ed ecco a voi, signori e signore, la tempesta perfetta.
Ed in questi momenti, tutte le superfici a cui cerco di aggrapparmi sono state oliate. Non si trova nessun appiglio, si scivola sempre più in basso fino ad arrivare al cosiddetto livello del ‘patetico’.
E il viaggio nel patetico è un viaggio senza ritorno.

Annunci

About pattumieraemotiva

Si sta come d'estate sui cactus le spine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: